Prima tappa: dagli Strulgador

© Michele Lapini | Gcthebook

© Michele Lapini | Gcthebook

13-14 aprile 2014

Incredibile ma vero, l’avventura è cominciata. Siamo partit* con un primo esperimento a corto raggio, sull’Appennino tra Bologna e Modena, dagli Strulgador, gli erboristi di Campiaperti.
Lorenzo e Barbara fanno preparati fitoterapici e per molti che come noi frequentano i mercati sono diventati un riferimento, per scambiare informazioni su come prendersi cura di sé e della propria salute grazie alle piante e all’alimentazione naturale.

Siamo partit* con l’idea di fare il rodaggio del gruppo, del modo in cui vogliamo portare avanti questo progetto, di come costruire relazioni e discorsi insieme ai contadini che visiteremo. Che poi è un “non” modo. Arrivare e semplicemente inserirsi nel flusso delle attività quotidiane. Stare insieme, camminare per i campi, cucinare, esplorare.

Siamo partit* per cominciare a scrivere, fotografare, raccontare, e oltre a questo ci siamo anche rilassati, rigenerati, ha cominciato a prendere vita un ritmo comune.

Ed è nata un’idea, una prima idea: riportare qui sul blog libri, film, canzoni ma anche ricette o altri spunti particolari che appariranno sul cammino, presso ogni realtà che visiteremo. Ecco i primi!

dittico strulgador gcthebook

Libri

Pierre Leutaghi, Il libro degli alberi e degli arbusti, BUR
>> un libro che parla degli alberi, non solo dal punto di vista botanico, ma ricco di aneddoti storici, miti, informazioni sulle proprietà medicinali e sugli usi del legno.

Toby Hemenway, Gaia’s Gardening. A Guide to Home-Scale Permaculture, Second Edition
>> un libro sulla permacultura

Oreste Mattirolo, Phytoalimurgia Pedemontana, Blu Edizioni
>> alimentazione d’emergenza con le piante

Gary Snyder, Ri-abitare nel grande flusso, Arianna Editrice
>> un libro che raccoglie alcuni scritti e poesie di Snyder, ispiratore del pensiero e soprattutto della pratica bioregionale

Carlo Signorini, Il vecchio che parlava al vento, Edizioni del Baldo
>> consigli di erboristeria pratica dal Trentino

Claudio Trupiano, Grazie dottor Hamer, Secondonatura Editore
>> sulla “nuova medicina” di Hamer

Musica

La piccola Miriam, la più grande delle bimbe di Barbara e Lorenzo, è appassionata dei canti delle mondine di Molinella, un paese della “bassa”, la pianura tra Bologna e Ferrara, in particolare della canzone “Morte di una mondina. A Maria Margotti“. Maria Margotti è senza dubbio la sua preferita!

Ricetta

Da tempo mi avevamo detto che dalle mie parti (nel nord Italia) si raccolgono i ricacci primaverili del pungitopo, e si mangiano come gli asparagi.

Lorenzo, come me, ancora non li aveva raccolti.
Ci siamo convinti, siamo partiti per il bosco e li abbiamo scovati: verdi sfumati di rosso alla base, dritti sul tappeto di foglie secche sotto ai cespugli di pungitopo.
E subito dopo ci siamo fatti una frittata. Son buonissimi, un po’ più amari degli asparagi. Anche la pipì poi era odorosa 🙂

Ecco la ricetta:


Frittata con gli asparagi del pungitopo

Tagliali a pezzettini, mettili in una padella dopo aver soffritto l’aglio, salali e cuocili con il coperchio aggiungendo acqua a bisogno.

Quando sono morbidi aggiungili alle uova sbattute con menta pepe e noce moscata.

E la frittata è fatta 😉

E grazie ancora a Barbara, Lorenzo, Miriam e Iris per l’ospitalità e il tempo passato insieme!

© Michele Lapini | Gcthebook

© Michele Lapini | Gcthebook

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...